Greenwashing e misurazione degli impatti della produzione: siamo ancora lontani da una soluzione

Lo afferma Elisabeth von Reinstein, Director of Public Affair di Sustainable Apparel Coalition, proprietaria di Higg Index. Che aggiunge: la normativa europea poteva essere più coraggiosa. Un’occasione persa?

Misurare l’impatto della produzione in modo trasparente, utilizzando dati comparabili, per mettere realmente il consumatore in condizione di fare le proprie scelte. E soprattutto per rendere l’operato delle aziende realmente comparabile: senza un approccio di questo genere, si rischia di creare solo nuove occasione di greenwashing. Ne ho parlato con  Elisabeth von Reinstein, Director of Public Affair di Sustainable Apparel Coalition. L’organizzazione è la proprietaria di Higg Index (ne avevo parlato qui). Nei mesi scorsi l’indice, che nasce con la finalità di raccogliere dati sugli impatti delle varie di produzione, aveva avuto qualche difficoltà con alcune Autorità Governative di Vigilanza della Concorrenza per l’uso che alcuni brand ne avevano fatto per la comunicazione al consumatore finale.

E’ quindi iniziato un profondo processo di revisione, ancora in corso, ma individuare quali dati fornire, come misurarli, come compararli, non è affatto semplice e dovrebbe essere un legislatore a definire il quadro normativo adatto. Per adesso la proposta di Direttiva europea sul Greenwashing è stata molto poco coraggiosa, come mi ha confermato Elisabeth von Reinstein in questa intervista.

La proposta di normativa europea sul greenwashing era attesa da tempo, ma ha deluso le aspettative. Ci aspettavamo una posizione più coraggiosa per affrontare questo fenomeno: alcuni brand nelle proprie policy hanno definito la loro posizione in modo più convincente. Cosa ne pensi?

Le regole sono fondamentali per creare un’industria dell’abbigliamento e delle calzature che dia più di quanto serve sia alle persone che al Pianeta. Sebbene lo scopo previsto della EU Substantiating Green Claims Directive sia quello di affrontare e reprimere le affermazioni di greenwashing, riteniamo che la proposta così com’è sia un’opportunità persa da parte della Commissione europea per rappresentare una leadership globale sulla sostenibilità e per realizzare le sue ambizioni, come stabilito nel Green Deal.

La proposta attualmente non impone un approccio armonizzato per comprovare le dichiarazioni ambientali, il che significa che le dichiarazioni ambientali non saranno comparabili e potrebbe persino consentire alle aziende di scegliere con cura le metodologie che mostrano i risultati di marketing più “promettenti”. Abbiamo bisogno di una legislazione armonizzata per garantire una comunicazione coerente tra tutti i prodotti e per garantire la comparabilità e la validità delle dichiarazioni ecologiche.

Al SAC (Sustainable Apparel Coalition), crediamo che per affrontare il greenwashing ci sia la necessità  di un quadro  politico che garantisca che gli impegni e il linguaggio siano sostenuti da dati e azioni credibili e supportati dalla scienza. In questo modo, possiamo accelerare i progressi e supportare i brand nell’affrontare le complessità della sostenibilità in modo che abbiano un impatto positivo sul clima, sulla natura e sulle persone.

È importante capire quali informazioni possono davvero aiutare un consumatore a fare le proprie scelte: devono essere informazioni accessibili e non troppo complicate. Secondo lei, quali sono gli aspetti fondamentali da valutare per fare scelte di acquisto consapevoli?

Al SAC crediamo che la trasparenza consenta decisioni informate e immaginiamo un futuro in cui i consumatori e le parti interessate abbiano accesso a informazioni comparabili, affidabili e fruibili sulle prestazioni di sostenibilità di un prodotto che consentano loro di prendere decisioni più informate.

Sfortunatamente, oggi non esiste una soluzione pronta all’uso per consentire ai consumatori di comprendere l’impatto di un indumento. Come industria, non abbiamo ancora raggiunto un accordo su come superare la sfida informativa di sintetizzare tutta la complessità del settore in modo veramente completo e rappresentativo. Mentre ci sono molte misure prontamente disponibili che i consumatori possono cercare per dare un’indicazione dell’impatto di un indumento, poche raggiungono il livello di specificità che riteniamo necessario.

Di conseguenza, al consumatore che voglia affrontare il tema della misurazione è richiesto un certo livello di  impegno e di investimento di tempo e attenzione. Investire nella propria istruzione e alfabetizzazione per quanto riguarda la sostenibilità nella moda è uno dei passi più importanti che i consumatori possono compiere.

Ciò potrebbe includere la riflessione su ciò che apprezzano o quali risorse sono a loro disposizione a livello locale; ci sono numerose attività che possono esaminare in questo momento attraverso le fasi di consumo di acquisto, utilizzo e fine vita, che hanno un’influenza sull’impatto di un indumento.

Planet Textile – Sustainable Apparel Coalition

Quando si acquista un capo, è anche utile leggere e comprendere l’etichetta come punto di partenza approssimativo per come è nato e per valutare se è possibile prendersi cura adeguatamente del capo. Le etichette contengono informazioni di base tra cui la composizione del materiale, le istruzioni per la cura e, in alcuni casi eccezionali, informazioni aggiuntive a supporto della fine del ciclo di vita o del riciclaggio.

Naturalmente, sappiamo che le aziende e i responsabili politici dovrebbero rendere più semplice per i consumatori acquistare prodotti realizzati in modo responsabile. Svolgono anche un ruolo nel sostenere l’educazione dei consumatori e l’impegno nei confronti dei problemi di sostenibilità. Questo potrebbe sembrare incoraggiare un consumo consapevole o offrire risorse per impegnarsi con la circolarità, come il noleggio, l’usato e la riparazione.

Quali sono gli obiettivi futuri per l’Higg Index? La fase di revisione iniziata qualche mese fa è terminata?

Higg Index è la nostra suite di strumenti basati sui dati per marchi, rivenditori e produttori per misurare le prestazioni di sostenibilità nel settore dell’abbigliamento, delle calzature e del tessile. Gli strumenti forniscono un processo standard per la valutazione che le aziende possono utilizzare per il benchmarking e per sfruttare i dati verificati per tracciare, gestire e migliorare le proprie prestazioni.

Poiché il contesto e il mondo in cui lavoriamo continuano ad evolversi, dobbiamo lavorare continuamente per migliorarli per creare gli strumenti più forti possibili per consentire il cambiamento sociale e ambientale.

In questo spirito, abbiamo commissionato una revisione indipendente dell’indice Higg. La revisione è in corso e stiamo lavorando con KPMG per coordinare il progetto, con tre gruppi di esperti indipendenti. Il primo panel esaminerà l’Higg Material Sustainability Index (MSI) e il Product Module (PM), poi ce ne sarà uno per l’Higg Facility Environmental Module (FEM) e uno per l’Higg Brand and Retail Module (BRM).

Ogni panel è composto da circa dieci professionisti indipendenti con una sezione trasversale di competenze e background, inclusi specialisti tecnici e ambientali, accademici e rappresentanti della società civile. Nessuno degli individui proviene da organizzazioni membri e nessuno ha precedentemente lavorato sugli strumenti dell’indice Higg.

Una volta ricevuto, e nello spirito della trasparenza, pubblicheremo il rapporto per intero affinché i membri, le parti interessate e le parti interessate del nostro settore e oltre possano leggerlo. È a questo punto che faremo il punto su quali azioni portare avanti, come e quando.

Quali sono i principali ostacoli alla creazione di uno strumento in grado di catturare gli impatti sociali e ambientali dell’intero processo produttivo?

Una delle maggiori sfide che stiamo affrontando come settore è la mancanza di dati standardizzati per guidare l’azione collettiva. Riteniamo che un approccio basato sui dati fornisca una base per tenere traccia del cambiamento, contribuendo a supportare i marchi in un percorso di miglioramento continuo. Consentire alle organizzazioni di comprendere l’impatto che stanno avendo, lungo l’intera catena di approvvigionamento, è fondamentale per migliorare e supporta le imprese e i consumatori a fare scelte più informate.

Il SAC ha lavorato negli ultimi dieci anni per raccogliere e costruire un framework basato sui dati che consenta alle organizzazioni di accedere a strumenti affidabili, credibili e scientificamente rigorosi per misurare le loro aree di impatto. Continuiamo a lavorare per migliorare i nostri strumenti e chiediamo regolarmente al settore di aiutarci a colmare le lacune di dati attualmente esistenti. Più dati disponiamo aiuteranno i nostri sforzi per accelerare in modo collaborativo i progressi sulle questioni climatiche.

Cover photo: Canva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *